>> I danni fisici dell’alcool

L’organismo di una persona che usa o abusa abitualmente di alcool è un organismo minato. L’alcool, infatti, ha un assorbimento rapidissimo dal corpo attraverso il sangue e trasformato dal fegato per circa il 90% della quantità assunta. La restante parte viene eliminata da reni e polmoni. Le tossine sotto forma di metaboliti restano all’interno di vari apparati ed organi del corpo, danneggiandoli irrimediabilmente.

Come causa diretta:

  1. fegato (patologie e cirrosi epatiche, tumori al fegato);
  2. cuore e vasi (disfunzioni circolatorie);
  3. stomaco, esofago, intestino e pancreas (tumore);
  4. disturbi mentali e comportamentali (delirium tremens, epilessia, allucinazioni, atrofia cerebrale, schizofrenia e psicosi simili);
  5. sindromi e patologie gravi della corteccia cerebrale;
  6. delirio cronico di gelosia (legato all’impotenza sessuale, frequente negli alcolisti).

Come causa indiretta:

  1. Traumi ed invalidità permanenti occorsi in incidenti domestici e stradali;
  2. morte a seguito di trauma;
  3. tumori;
  4. depressione;
  5. suicidio.